Home » » L'opposizione insorge contro Travaglia

 

L'opposizione insorge contro Travaglia

di TONI MORETTI

CERVETERI -  Oggetto di una piccata nota di denuncia sui comportamenti ritenuti “goffi” ed inopportuni da tutto la staff comunale preposto al protocollo e all’accettazione degli atti, resa  nota dai consiglieri Aldo De Angelis, Ramazzotti, Piergentili, Belardinelli, Tassitano, Accardo e Orsomando per l’opposizione di centro destra, sarebbe una errata interpretazione da parte del presidente del consiglio comunale Carmelo Travaglia, di una richiesta per la discussione in aula durante il consiglio tenutosi martedì 29 u.s. di una mozione avente per oggetto  l’implementazione in alcune aree del centro storico di parcheggi  a pagamento, e una interrogazione sulla questione del trasporto scolastico sollevata dalla scuola Salvo D’Acquisto.  Tale richiesta non è stata ammessa dal presidente Travaglia perché non è stata protocollata nei termini voluti dal regolamento e rinviata al primo consiglio utile. I consiglieri di opposizione ritengono sia avvenuto il contrario in quanto inviata la medesima per Pec (posta elettronica certificata), si doveva considerare fosse passata al protocollo non appena il gestore del servizio ne avrebbe dato la disponibilità, e questo è avvenuto nell’ultimo giorno disponibile e quindi in tempo regolamentare.  
«Si -  dice Travaglia – ma in un orario in cui gli uffici erano ormai chiusi e quindi al protocollo è andata la mattina successiva nei tempi fuori  dal regolamento. Mi sono limitato - spiega Travaglia - al rispetto rigoroso dello stesso e l’ho respinta. Ma trattandosi anche di una interrogazione che trattava un problema scolastico con l’anno scolastico che sta per cominciare, mi sono adoperato - conclude il presidente - per chiedere al sindaco Pascucci di trattarlo in aula e nonostante la sua disponibilità a farlo, i firmatari hanno trasformato la loro interrogazione con richiesta di risposta scritta entro trenta giorni». 
Dal riepilogo dei fatti, emerge chiaramente che l’opposizione non ha preso atto che i ricorsi, le denunce e le lunghe filippiche di merito politico che le hanno accompagnate quasi a voler contestare assenza di trasparenza e legalità a chi ne ha fatto bandiera e carta vincente, accuse tra l’altro smentite platealmente da sentenze che si sono susseguite, vedi l’ultima della Corte dei Conti che manda assolta la giunta per l’assenza del danno erariale che secondo i denuncianti era stato procurato, non ha pagato. Perseverare su questo punto, può significare la presenza in consiglio di una opposizione priva di un suo progetto strutturato, e tutto questo si pensi, mentre Juri  Marini, del PD, fa un grande “sbattere di ciglia”.

(02 Set 2017 - Ore 10:30)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy